Isola è

domenica, 19 maggio 2013

 

Non perché tutt’attorno ci sia il mare che ti senti isola. Non solo per quello.
Isola è, silenzio. Solitudine. Assenza.
Vorresti montagne oltre l’orizzonte, vorresti scorgerne la cima, almeno da uno dei versanti.
Isola è, lontananza. Incontaminazione. Separazione.

Lembo di terra affogato. Che prova ad emergere.
Isola è, voci inascoltate. Voglia di insistere. Di rimanere, a volte di andare.
Il vento, sbuffa costantemente da qualunque lato. Comunque ti metta, il suo sospingerti quotidiano con forza, ti rende più tenace, ostinato.
Isola è, arrangiarsi. Colmare i vuoti. Adattarsi.

Le nuvole viaggiano. Da qua, verso là. O viceversa. Ogni giorno. Il cielo è lo stesso. Non si interrompe al confine. Non si spezza.
Isola è, determinazione. Limiti ben definiti. Unicità, come ciascuno di noi.
Le immagini sfocate. I ricordi bambini. La tua terra.  Quelle belle storie, narrate la sera.
Isola è, nostalgia. Legami forti. Appartenenza.

Isola è, ritornare. Andare via e sentirne subito la mancanza.